Abbiamo perso un altro centimetro della nostra dignità e anche della nostra libertà

Il Ministro dell’Interno nonché capo della Lega oggi giorno si comporta sempre peggio. Probabilmente non può dare risposte oneste e ragionevoli a proposito degli incontri tra esponenti della Lega e finanziatori russi a Mosca. Riesce difficile trovare una giustificazione per il figlio che usa una moto d’acqua della Polizia per passare il tempo in vacanza. C’è l’inchiesta sull’autoriciclaggio sul leghista Rixi. E poi (non) ci sono sempre i 49 milioni.

E allora deve alzare i toni, insultare e infamare giornalisti e oppositori, distrarre e buttarla in caciara, dare la colpa a giornali e giornalisti che fanno inchieste e domande.

Condivido l’editoriale di Repubblica di oggi, da cui ho tratto la frase del titolo: https://www.repubblica.it/politica/2019/08/01/news/la_liberta_secondo_matteo-232570569

Una lettura per l’estate? Il libro nero della Lega.

Non è umano e non pretende di esserlo

“Non è umano e non pretende di esserlo.” Lo diceva HP Lovecraft riferendosi ad antiche divinità mostruose, quali per esempio Cthulhu.

Dopo il comportamento indecente di Salvini nella vicenda (non ancora conclusa) della nave Aquarius, penso che questa definizione vada benissimo anche per lui. Gioisce e considera una vittoria aver dimostrato di disprezzare le vite umane. Non è umano e non pretende di esserlo.

Qui è possibile donare per sostenere l’ONG SOS Mediterranee.

Segnalo anche un bell’articolo di Luigi Ambrosio sul sito di Radio Popolare.